(-GurdaITA-) Alexander 2004 Streaming ITA Film Completo Italiano HD

Alexander (2004) Film Streaming Altadefinizione

2004-11-21 NA HD

Film123

02:55:00

Alexander Streaming Completo

Alexander Film Streaming Altadefinizione Il giovane Alessandro Magno, desideroso di gloria e avventura, parte dalla Macedonia per conquistare ed estendere il suo dominio portando il suo esercito in zone dove fino ad allora mai nessun occidentale si era spinto. Portava dentro di sé il bisogno di ottenere l’approvazione del padre Filippo, di superare le difficoltà con l’ambiziosa moglie Roxane e contare sul sostegno del grande amico Efestione. Insieme al generale Tolomeo non viene mai battuto in guerra, cosa mai successa nella storia militare. Alessandro e i suoi uomini si spingono attraverso deserti, montagne, lottando contro chiunque osi ostacolare il loro cammino…

  • Release: 2004-11-21
  • Rating: 5.8
  • Production: WR Universal Group / France 3 Cinéma / Intermedia Films / Pathé Renn Productions / Egmond Film & Television / Pacifica Film / IMF Internationale Medien und Film GmbH & Co. 3. Produktions KG / Warner Bros. Pictures /
  • Genre: Guerra Storia Azione Avventura Dramma Romance

Condividi questo film ai tuoi amici

Guarda Alexander film completo

Guarda Alexander film completo online o scarica nei migliori video flash HD 1080p sul tuo desktop, laptop, notebook, scheda, iPhone, iPad, Mac Pro e altri

Cosa dice la gente Alexander film

Elio Sbrocchi

Alessandro Magno è un personaggio che affascina Oliver Stone da sempre. Val Kilmer conferma che sin dai tempi di The Doors lui e il regista parlavano del film da farsi. Ora Stone è riuscito nell’intento realizzando un’opera assolutamente personale e del tutto imparagonabile a quella sorta di ‘Omero made in Usa’ che è Troy. Non per questo però Alexander si può definire un film riuscito. Perché Stone ha portato all’eccesso tre degli elementi che costituiscono da sempre l’essenza del suo fare cinema. Sono, nell’ordine, i seguenti: l’essere un anarchico di destra; l’amare un’idea ‘barocca’ del cinema; l’autobiografismo. Proviamo a spiegarci. L’autore della sceneggiatura di Conan il barbaro e il regista di Nato il 4 luglio sono, anche se a molti è sembrato strano, la stessa persona. Quella stessa che ha girato un documentario su Fidel Castro (Comandante) e uno sul conflitto israelo-palestinese (Persona non grata). Un regista ‘politico’ (JFK) capace di andare ‘contro’ ma con ben radicati, nel profondo, gli ideali di patria, di virilità, di onore. Alexander soddisfa queste esigenze: una personalità complessa, un tiranno ‘partecipativo’, un conquistatore spinto da ideali. Consente poi a Stone di portare all’eccesso quel barocchismo che finora si era estrinsecato soprattutto in un montaggio esasperato, in una molteplicità di punti di vista di un solo gesto e che qui si acquieta sotto questo aspetto (tranne che, ovviamente, nelle battaglie) per trovare la propria soddisfazione nella scenografia, nei costumi e nell’esasperazione cromatica della lotta. Con quel rosso così lisergico da sembrare frutto di un’allucinazione nella giungla vietnamita. E veniamo in questo modo al dato autobiografico: il confronto tra Alessandro e suo padre Filippo sembra ricalcare quello tra Oliver e il genitore militare, con tanto di partenza del primo per il Sudest asiatico per dimostrargli di essere un uomo. Anche se qui il gioco sembrerebbe ribaltarsi, visto il rapporto che intercorre, unendoli fino alla morte, tra il condottiero ed il compagno Efestione. Il ‘macho’ Stone affronta, da anarchico insofferente delle norme qual è, il tema dell’essere al contempo gay e combattivi sapendo in partenza di dispiacere alla morale vincente attualmente nel suo Paese. Ma il film non funziona non per colpa di Bush, del moralismo della sua amministrazione ecc.ecc. come vorrebbe farci credere il regista. Non funziona, oltre che per l’esasperazione dei tre elementi citati, perché su quasi tre ore di proiezione ci piazza più di 30 minuti di ‘spiegazioni’. Comincia il narratore Tolomeo (che tornerà più volte), seguono poi le istruzioni di mamma Olimpia/Angelina (che non invecchia mai, neppure quando dovrebbe), poi quelle del maestro di lotta e di quello di storia. Tocca poi al padre Filippo (che tornerà nel sottofinale con un flashback che potrebbe avere come didascalia “C’eravamo dimenticati di dirvi”…) provare a spiegare al giovane Alessandro come si sta al mondo. Insomma, prima di entrare nel vivo dell’azione ce ne vuole e quando poi questa finalmente esplode il rischio (anzi, la certezza) del dialogo meditativo sulle sorti degli esseri umani e della Storia è sempre dietro l’angolo. Un film (e Stone dovrebbe esserne a conoscenza dato che in passato ne ha realizzati di efficaci) deve saper portare avanti una storia e magari anche una tesi senza ‘note a piè di pagina’. Questo, purtroppo, non accade in Alexander.P.S. Per gli appassionati al gossip italiano un avvertimento: nel cast c’è Raz Degan. Trovatelo. Da Squillo ad Alexander ha compiuto comunque un bel salto. Deve avere un bravo agente. Tre stelle di stima.

Alexander Galleria di film

Direttore del film e dell’equipaggio dietro Alexander

  • Oliver Stone
    Director
  • Vangelis
    Original Music Composer
  • Rodrigo Prieto
    Director of Photography
  • Jan Roelfs
    Production Design
  • Jenny Beavan
    Costume Design
  • Jim Erickson
    Set Decoration

Data di rilascio:
FR 2004-11-21

Budget del film:
$155,000,000.00

Wiki Page:
https://en.wikipedia.org/wiki/Alexander

Alexander – Attori cinematografici e attrici

Alexander

Colin Farrell
Alexander
Alexander

Angelina Jolie
Olympias
Alexander

Val Kilmer
Philip
Alexander

Jared Leto
Hephaistion
Alexander

Jonathan Rhys Meyers
Cassander
Alexander

Anthony Hopkins
Old Ptolemy

Gli utenti inoltre cercano e guardano film con queste domande: guarda Alexander film completo gratis, Alexander film streaming ita HD, scarica Alexander film gratis, Alexander streaming sub ita alta definizione, guarda Alexander film senza limiti, Alexander film per tutti

In una categoria simile

8.3

Tuo, Simon

Tuo, Simon

Tutti meritano una grande storia. Ma per Simon, è complicato: non solo perché sono gli anni del liceo, ma anche perché custodisce un segreto che non sa come rivelare agli amici e alla famiglia. Per farlo e affrontare la paura, avrà bisogno di tutto il suo coraggio (e della sua ironia).

6.2

Below Her Mouth

Below Her Mouth

L’attraente Dallas (l’androgina modella Erika Linder, qui al suo debutto cinematografico) non è molto portata per le relazioni stabili, ha infatti appena rotto con l’ennesima fidanzata. Jasmine (la bellissima Natalie Krill) è un editor di successo nel mondo della moda che sta vivendo il suo sogno d’amore con la sua fidanzata Riley, ma anche qui sembra esserci qualcosa di stonato. Le due donne hanno due brevi occasioni d’incontrarsi nel giro di qualche ora, due incontri che non le lasciano indifferenti. Già al primo bacio è chiaro che il loro mondo va sottosopra, adesso è governato solo da reciproco desiderio, passione e lussuria. Il film, che vuole essere soprattutto una celebrazione della sessualità femminile e lesbica, è diventato un caso nel suo Paese d’origine, il Canada, dove ha riempito le pagine dei rotocalchi.

8.3

Chiamami col tuo nome

Chiamami col tuo nome

Nel 1983, una calda estate segna per sempre la vita del diciassettenne Elio, un musicista più colto e sensibile dei suoi coetanei, che ogni estate trascorre le vacanze nella villa di famiglia. Il padre, un professore universitario, come ogni anno ospita uno studente straniero per lavorare alla sua tesi di post dottorato. L’arrivo di Oliver, ventiquattrenne statunitense, per la sua bellezza e i modi disinvolti, sconvolge la vita di Elio, che se ne innamora immediatamente. Tra lunghe passeggiate, nuotate e discussioni, tra i due giovani nasce un desiderio travolgente e irrefrenabile.

7.3

Moonlight

Moonlight

Miami. Little ha dieci anni ed è il bersaglio dei bulli della scuola. Sua madre si droga, e lui trova rifugio in casa di Juan e Teresa, dove può parlare poco ma sa che può trovare le risposte alle domande che più gli premono. Nero fra soli neri, dei suoi coetanei non condivide l’atteggiamento aggressivo, l’arroganza che indossano fin da piccoli. Chiron -è questo il suo vero nome- non è un duro, ma nemmeno un debole. È gay e, anche se non lo dice, non sa essere chi non è, non sa e non vuole adeguarsi, così si ribella e finisce in prigione. Quando esce, Black è diverso, cambiato, apparentemente un altro, ma sempre lui.